capri faraglioni

Una tazzina di caffè

Tutto parte dalla tazzina, in ceramica o in vetro ma rigorosamente con il piattino: lo considero quasi un rituale. 

Durante i miei giorni di riposo sono solita, verso le 11 del mattino, bere il caffè.  Abitando a Roma negli anni precedenti ho scoperto l’amore e la passione per il caffè, con un gusto totalmente diverso. Un caffè tres chic alla Buvette in Via Vittoria prima del lavoro in boutique o da Barberini a Testaccio con Paolo, l’amico gay che tutte vorreste nella vostra vita.


 

Da Napoli a Capri i caffè che ho assaggiato sapevano di libertà e diversità. Una diversità che sa di allegria, spensieratezza e risate, una diversità che sa di amicizia, divertimento e malinconia con il mare blu cobalto dei Faraglioni che fa da comune denominatore lasciandoti senza fiato…

 

3 commenti su “Una tazzina di caffè”

Rispondi a elisaborsotto Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *